IL VERO KM ZERO NEGLI UFFICI MICROSOFT

Estimated reading time:1 minute, 7 seconds

Ecologia e tecnologia uniscono le forze: le coltivazioni verticali soddisfano e fanno risparmiare

Il colosso americano Microsoft volge sempre più lo sguardo alle pratiche green, cercando di sfruttare anche le elevate competenze tecnologiche dei suoi impiegati. Già da tempo per fornire le mense vengono scelti prodotti della zona per sostenere l’economia locale e limitare i trasporti, ma ora hanno dato il via ad una vera svolta con il progetto Urban Farming, nato nel campus di Redmond.

Per realizzare i 40 mila pasti giornalieri sono necessarie quantità elevate di frutta e verdura fresca, la soluzione? Coltivare direttamente negli uffici con delle micro-serre verticali che sfruttano la tecnica della coltivazione idroponica, quindi fuori dal suolo. Il risultato?

  • Cibo sempre fresco
  • Risparmio idrico ed energetico
  • Minor impatto sull’ambiente

Il ciclo naturale della pianta viene completamente rispettato. Si parte dalla semina, eseguita in una parte apposita del campus, e dopo otto giorni le piante arrivano nel loro speciale orto, dove vengono nutrite e curate. Il tutto viene monitorato da delle applicazioni dedicate create proprio dai dipendenti.

Nel giro di due settimane sono pronte per essere servite. Questo innovativo progetto è stato presentato nel padiglione americano di Expo 2015 con l’obbiettivo di sviluppare un sistema di coltivazione che possa combinare efficacemente sostenibilità e tecnologia, per rendere questi orti verticali sempre più produttivi senza impattare l’ambiente.

Fonte: tuttogreen.it