ECOMONDO 2018

Estimated reading time:1 minute, 24 seconds

Ecomondo, fiera leader della green e circular economy, ritorna per una nuova edizione ricca di novità e innovazione

Nel settore della green e circular economy l’Italia è ai primi posti in Europa, soprattutto nell’ambito dell’efficienza energetica, del riciclo dei rifiuti e della produttività delle risorse.
Ecco perchè Ecomondo è diventato un punto di riferimento nel panorama internazionale per incontrare aziende leader di mercato, conoscere trend e innovazioni con i maggiori esperti del settore green.

L’edizione 2018, aperta dal 6 al 9 Novembre, verte sulle principali novitànecessitàcriticità ed opportunità nell’ambito del riuso e valorizzazione dei principali rifiuti tecnici e biologici (incluse le acque reflue), le materie prime alternative e l’ecodesign industriale, la bonifica e la riqualificazione delle aree contaminate, e la bioeconomia.

Dal 2009 viene anche proposto un modello ideale di Città Sostenibile concentrato all’interno di uno spazio espositivo che mostra modelli di urbanizzazione, soluzioni tecnologiche, progetti, piani di mobilità, ideati per migliorare la vita dei cittadini e favorire lo sviluppo dei territorio in chiave sostenibile.

I primati dell’Italia nel settore dell’ecologia sono evidenti:

  • 47 mln di tonnellate di rifiuti riciclati con conseguente risparmi di energia per 17mln di tonnellate di petrolio
  • 1° posto per contributo fotovoltaico (8% del mix elettrico nazionale)

Le tecnologie e le innovazioni presentate promuovono un modello di economia circolare, vero e determinante sviluppo per porre rimedio ala crisi del sistema economico lineare.  Secondo la Commissione Europea, misure come una migliore progettazione dei materiali, dei prodotti e dei processi industriali (ecodesign) unitamente alla prevenzione e al riutilizzo dei rifiuti, potrebbero generare, entro il 2030:

  • Riduzione 30% del consumo di materie prime
  • Riduzione 50% delle emissioni totali di gas a effetto serra
  • Crescita 5% del PIL
  • Creazione di oltre 1 milione di posti di lavoro

Fonte: ecomondo.com