10 SUGGERIMENTI PER UN’ALIMENTAZIONE A MINORE IMPATTO AMBIENTALE

Estimated reading time:3 minutes, 21 seconds

Mangiare può essere un gesto ecologico che aiuta l’ambiente e la nostra salute

Il riscaldamento globale, la desertificazione e la perdita di biodiversità sono solo alcuni dei cambiamenti che il pianeta sta subendo principalmente a causa delle attività dell’uomo. Tra le tante attività che contribuiscono a questi cambiamenti, grande responsabilità è da attribuire anche a come si produce e consuma il cibo. Per tutti gli esseri viventi il cibo è necessario per vivere, ma la qualità, la quantità e la tipologia di questo cibo possono influire molto sullo stato di salute, sia nostro sia dell’ambiente.

Nella moderna civiltà altamente tecnologizzata è facile dimenticare come l’economia e in realtà la nostra stessa esistenza – dipendano interamente dai sistemi naturali e dalle risorse del pianeta. Dipendiamo per esempio dal clima per la presenza di ambienti idonei all’agricoltura, dal ciclo idrico per la disponibilità di acqua dolce, dai processi geologici per la formazione di suoli biologicamente produttivi e dagli insetti per l’impollinazione delle piante da frutto, degli ortaggi e delle colture erbacee.

Nell’ultimo secolo, la popolazione mondiale è quadruplicata e il consumo globale di risorse è cresciuto al punto in cui, oggi, l’umanità esercita una richiesta sui sistemi naturali che supera la loro capacità di dare risposta a queste esigenze:

usiamo le risorse più velocemente di quanto la terra riesca a rigenerarle e produciamo molti più rifiuti e scarti, tra cui le emissioni di gas serra, di quanti la terra riesca ad assorbirne.

Per esempio, ogni anno, l’estrazione di acqua dal sottosuolo eccede il naturale ricarico determinando un impoverimento delle riserve e la concentrazione di gas ad effetto serra nell’atmosfera è oggi quasi il 40 per cento più alta del periodo pre-industriale, con gravi conseguenze sugli habitat e sulle specie.

È quanto mai urgente lo sviluppo di buone pratiche di consumo, a livello nazionale e internazionale, che consentano una significativa riduzione degli impatti. Questo significa che è necessario scegliere ogni giorno un’alimentazione che sia sostenibile per il nostro pianeta e fonte di benessere per gli individui sempre più affetti da malattie legate a una cattiva o eccessiva alimentazione.

1 ACQUISTA PRODOTTI LOCALI

Compra prodotti freschi,  sostieni l’economia locale, riduci le emissioni di CO2 limitando i trasporti e privilegia prodotti tipici e varietà nostrane, spesso a rischio di estinzione.

2 SCEGLI PRODOTTI DI STAGIONE

In natura le specie animali si nutrono in maniera diversa a seconda delle stagioni e questo è importante per la conservazione degli ecosistemi.

3 RIDUCI I CONSUMI DI CARNE

Pochi sanno che l’allevamento genera molti più gas serra dell’intero settore dei trasporti classificandosi tra le maggiori cause di aumento di temperatura media terrestre.

4 EVITA PESCE APPARTENENTE A SPECIE SOVRASFRUTTATE

Prediligi il pesce pescato (meglio se locale) rispetto a quello di acquacoltura e scegli specie non in pericolo di estinzione. Rispetta la regola della taglia minima di vendita delle specie e considera la stagionalità delle specie.

5 PRIVILEGIA I PRODOTTI BIOLOGICI

L’agricoltura biologica è un metodo di produzione che non solo consente di disporre di cibi più sani e saporiti, ma che comporta anche una serie di benefici ambientali.

6 RIDUCI GLI SPRECHI: SE L’HAI ACQUISTATO, MANGIALO

In Italia ogni anno finiscono nella spazzatura 12 miliardi di euro e oltre 20 tonnellate di cibo ancora buono, di cui 250.000 tonnellate di carne.

7 ACQUISTA PRODOTTI CON POCHI IMBALLAGGI

Ciascun italiano produce quasi 532 kg di rifiuti l’anno per un costo medio di gestione di 138,22 euro. Il 38% di questi rifiuti è costituito da imballaggi. L’impatto ambientale dell’imballaggio (packaging) in italia è molto elevato, pari a 225 kg co2 pro-capite l’anno. e quant’altro).

8 RIDUCI IL CONSUMO DI CIBI ECCESSIVAMENTE ELABORATI

I piatti pronti hanno fatto registrare, tra tutti gli alimentari, il record di aumento delle quantità acquistate con una crescita del 10% negli ultimi anni.

9 BEVI L’ACQUA DI RUBINETTO

L’acqua minerale in bottiglia (di plastica o di vetro) è totalmente insostenibile sotto il profilo ambientale. Il ricorso all’acqua in bottiglia potrebbe essere giustificato solo laddove quella del rubinetto non desse risultati soddisfacenti per l’uso alimentare.

10 EVITA GLI SPRECHI ANCHE AI FORNELLI

Oltre a riciclare quello che avanza in cucina, anche l’uso corretto dei fornelli può aiutare a non “bruciare” risorse!

Fonte: wwf.it